Travel Wine Magazine

COLOMBAIO DI SANTA CHIARA, VERNACCIA E TRADIZIONE

A San Donato, tra panorami mozzafiato su San Gimignano (SI), si estendono i vigneti della famiglia Logi, racchiusi come in un abbraccio, intorno ad un antico borgo di pietra ed una chiesa, ancora in uso. È il Colombaio Di Santa Chiara, prima ancora che un’azienda vitivinicola, una famiglia che ha nella figura paterna di Mario Logi la sua forza motrice.

Il territorio

Nel cuore della Toscana, tra le località di Colombaio, antico “Fundus Rasianus” dal nome della gens Rasinia, di origine etrusca” e San Gimignano si estendono a macchia di leopardo i poderi vitivinicoli dell’azienda, una piccola parte dei quali è riservata a bosco.

il “cote”, credit @TWM

In totale 21 ettari, di cui 13 ha. vocati a Vernaccia di San Gimignano docg, con il nucleo principale di circa 10 ha. in zona “cotone” da “cote” ovvero “grosso macigno” ed il resto a Sangiovese, Cabernet Franc e Merlot. Il suolo è ricco e complesso, composto da sabbie del pliocene superiore con argille, ciottoli e ghiaie di alcuni appezzamenti, e formazioni calcaree in altri.

Doc dal 1966 e Docg dal 1993, il disciplinare della Vernaccia di San Gimignano contempla provenienza delle uve, vinificazione ed affinamento del vino unicamente nel territorio comunale di San Gimignano, con una percentuale di almeno l’85% dal vitigno Vernaccia di San Gimignano ed una tollerenza massima del 15% di altri vitigni a bacca bianca.

La selezione delle migliori uve consente di fregiarsi della tipologia Riserva, con un periodo di affinamento non inferiore a 11 mesi in cantina (in acciaio o legno) ed un periodo di affinamento di almeno 3 mesi in bottiglia prima della commercializzazione.

Una storia speciale.

Agli inizi degli anni ’50 Mario Logi, capostipite della famiglia già lavorava nei campi. Poi, negli anni successivi, con la moglie Franca la scelta di andare via per cercare “fortuna”. Tempi non facili, ma l’intuizione fu più che avveduta, complice la particolare struttura del paese di San Donato, lungo la via Francigena, dall’insediamento medievale, con le abitazioni di pietra intorno all’antica Chiesa di San Donato.

vigneti di vernaccia di san Gimignano docg,credit @TWM

Canonica e terreni adiacenti furono, dunque, acquistati da Mario e costituirono la prima sede dell’attuale azienda. Ancora oggi, qui si estende un vigneto di 2 ettari, esposto a sud, coltivato interamente a Vernaccia di San Gimignano. L’azienda vitivinicola Colombaio di Santa Chiara nasce nel 2002 su spinta di Alessio, il più piccolo di tre fratelli Giampiero, Stefano che, dopo gli studi in enologia, capisce che il suo posto è tra i filari della sua azienda di famiglia.

Sotto l’occho vigile e severo di papà Mario, Giampiero, Stefano e Alessio mettono in pratica le buone esperienze paterne, condividendo passione, visione e un progetto comune, in cui il vino è espressione di una realtà multisfaccettata e l’enoturismo e la ricettività i punti nodali.

La filosofia

Interamente a conduzione biologica, l’azienda è improntata alla tradizione, alle regole schiette che da sempre hanno governato le coltivazioni di questi luoghi, ed alla capacità della Vernaccia di saper regalare, sorso dopo sorso, una lettura autentica e sincera del suo territorio e della bellezza senza tempo di boschi e filari che disegnano l’armonia di un paesaggio mozzafiato.

Il rispetto per il vitigno e l’attesa continuano ad essere per la famiglia Logi valori aggiunti di una produzione improntata alla ricerca costante di maggiore verticalità ed equilibrio nel calice.

Una filosofia condivisa anche dall’enologo Nicola Berti, con la scelta in cantina di macerazioni più brevi a tutto appannaggio di maggiore espressività e freschezza. Vini dal profilo lineare, pulito e marcatamente territoriale sono i tratti peculiari di uno stile fedele al suo dante causa.

opera artistica ingresso cantina, credit @TWM

Le produzioni

Fine, delicato, asciutto e sapido. Il sorso di Selvabianca 2021, Vernaccia di San Gimignano DOCG, 100% Vernaccia di San Gimignano, ammalia per il sorso schietto, terso di fiori e frutta bianca, minerale e fresco con una piacevole lunghezza.

In Campo della Pieve 2020, Vernaccia di San Gimignano DOCG, 100% le note fruttate virano verso il citrico, la nota eterea della scorza agrumata, con un’ampiezza di sorso elegante e sapida.

L’Albereta Riserva 2019, Vernaccia di San Gimignano DOCG, 100% proviene dalla selezione delle migliori uve del vigneto Colombaio. La capacità di evoluzione si esplicita attraverso note di frutta gialla matura, anche esotica come mango e sottili sentori balsamici, in cui si stemperano, sul finale, vaniglia e pepe bianco. Il sorso è coerente, vibrante di freschezza e denso di intriganti promesse sensoriali che un maggiore invecchiamento potrà dare.

www.colombaiosantachiara.it

Carmen Guerriero

 

News

Attualità

I nostri sponsor

I nostri partner